Sassari: cantieri in via Padre Zirano e via Diaz

Proseguono i lavori di manutenzione straordinaria nella zona della rotatoria tra viale Papa Giovanni Paolo II e via Padre Zirano. Da mercoledì 4 marzo e fino a sabato 7, salvo contrattempi, il Comune procederà a interventi per i quali sono necessarie modifiche alla viabilità e lo spostamento dei capolinea e biglietteria dei mezzi pubblici. Da mercoledì sarà chiusa al traffico via Padre Zirano, in entrambi i sensi di marcia; sarà inoltre istituito il divieto di fermata, per tutti i veicoli eccetto quelli del servizio di trasporto pubblico locale Arst, in corso Vico, tra piazza sant'Antonio e piazza Della Stazione (con l’eccezione dello stallo per la fermata Atp). l'Arst posizionerà una biglietteria provvisoria vicino alle fermate di corso Vico e, eventualmente, di quelle di via Turati. 

 L'intervento, coordinato dall'assessorato ai Lavori pubblici, consiste nel rifacimento dei manti bituminosi in tutta la rotatoria, via Padre Zirano, tra la strada vicinale San Lorenzo e la rotatoria di via Amendola e via Giovanni Paolo II, compresi i raccordi con le strade di ingresso e uscita dell'intersezione, della segnaletica orizzontale e verticale, del livellamento dei pozzetti e delle caditoie esistenti. Al via da mercoledì i lavori per l'eliminazione del cordolo in via Diaz che oggi separa la pista ciclabile dalla carreggiata per le auto. Sarà realizzata una pista ciclabile unidirezionale con lo stesso senso di marcia dei veicoli, in sostituzione dell’attuale bidirezionale, e questo consentirà di togliere il cordolo. Per l'esecuzione delle operazioni in sicurezza sarà necessario istituire il divieto di sosta su tutta via Diaz. Il divieto di transito sarà limitato al tratto di strada (da incrocio a incrocio) interessato dai lavori, per il tempo strettamente necessario. I lavori, salvo contrattempi legati al maltempo, si dovrebbero concludere in massimo cinque giorni. 

 La decisione era stata presa con deliberazione di Giunta il 10 dicembre. Nel documento si legge che l'Amministrazione «deve prendere atto di alcune problematiche relative alla realizzazione delle piste ciclabili già realizzate nel tessuto urbano cittadino e, nello specifico della via Diaz, dove la pista ciclopedonale bidirezionale risulta realizzata in un contesto con un elevato numero di intersezioni a raso e di passi carrai». «In tali condizioni – si legge ancora nella delibera - la pista ciclabile bidirezionale stessa può rivelarsi più pericolosa dell’utilizzo della corsia destinata alle auto, in considerazione del fatto che se non viene rispettata un’adeguata distanza in grado di garantire un’elevata visibilità tra automobilista e ciclista, questo sarà visto soltanto all’ultimo momento». Un rischio che può essere ridotto con la previsione di una pista unidirezionale che «comporta una potenziale riduzione dei punti di conflitto delle traiettorie dei veicoli che percorrono la carreggiata stradale». 

 Si tratta di una scelta dettata dalla necessità di porre immediato rimedio al potenziale pericolo, in attesa «della revisione del Piano Operativo di Dettaglio del progetto “MO.S.S. - MObilità Sostenibile a Sassari”, che potrà prevedere interventi su via Diaz e su via Zanfarino con l'istituzione di Zone 30».