Paola Deiana: "La quattro corsie fino ad Alghero si deve fare"

“Questo incontro di oggi ci fa capire che dall’unione delle istituzioni e dei cittadini può scaturire qualcosa di importante e positivo”. Così la parlamentare del Movimento 5 stelle Paola Deiana ha aperto il suo discorso durante la seduta del Consiglio comunale aperto, convocato questa mattina nel teatro civico di Alghero. “Il completamento della SS 291 è una battaglia che ho portato avanti dal primo giorno in cui mi sono insediata a Roma – ha detto la deputata -. È un impegno doveroso da parte delle istituzioni, è una risposta doverosa che bisogna dare ai cittadini”. 

Nel corso del suo intervento, Paola Deiana ha sottolineato: “Bisogna fare attenzione fra le scelte politiche e le scelte tecniche. Noi ci troviamo ostaggi di scelte di alcuni tecnici ed è dimostrato. Le scelte politiche a favore dell’infrastruttura noi le abbiamo fatte e con diversi atti che parlano: nel 2018, all’interno del decreto fiscale, abbiamo prorogato il finanziamento per un anno. Ovviamente, questo non è stato sufficiente perché nel frattempo non abbiamo risolto la questione e quindi, all’interno della legge di bilancio 2019 per il 2020 e 2021 siamo riusciti a prorogare i finanziamenti per altri due anni. 

Abbiamo quindi abbastanza tempo, ma non per questo dobbiamo dormire, bisogna lavorare fattivamente. Inoltre – ha aggiunto la parlamentare - nel 2019 il ministro Toninelli ha voluto inserire l’infrastruttura tra quelle commissariate. Ancora, come sappiamo, i commissari devono essere nominati perché la caduta del Governo e la nascita di un altro ha rallentato la procedura di nomina”. 

Per il completamento dell’infrastruttura, è necessario ribaltare il parere negativo di MATTM e MIBAC alla dichiarazione di compatibilità ambientale, alla localizzazione e all'approvazione del Progetto Definitivo SS 291 così come proposto dalla Società ANAS S.p.A. “Nei prossimi giorni – ha fatto sapere infine la deputata algherese - le segreterie tecniche dei tre ministeri (Mit, MATTM e MIBAC) si riuniranno per trovare un parere univoco. È ovviamente un percorso lungo. La disponibilità da parte di tutte le istituzioni c’è ed è costante. Abbiamo il tempo per lavorare bene e consegnare ai cittadini quest’opera strategica per l’intera Sardegna”.