Politica

Stampa Diminuisci carattere Aumenta carattere

Ad Alghero oggi le comiche: l'asino vola - Il carruzzo dei "futtibossa" diventa patrimonio dell'Umanità

Ce l'avranno anche duro ma sotto il sole di Alghero non ha-retto, si è liquefatto, in pochi giorni è diventato come un cornetto messo dentro un forno a micro onde. Nel carruzzo hanno abbattuto le barriere architettoniche e sono tutti scivolati via lasciando Colpo di Culo con il cerino in mano.

L'estate 2019 si annuncia all'insegna dell'incertezza per quanto riguarda le presenze turistiche, ma in compenso la città catalana si appresta a ottenere dall'Unesco quel riconoscimento che monsignore ha soltanto millantato. Con gli ultimi avvenimenti della politica algherese, quella che ha vinto le elezioni amministrative, Alghero sta per diventare patrimonio dell'umanità. Resta da individuare ancora in quale specifica sezione (i lettori possono dare libero sfogo alla fantasia).

Si è detto delle barriere architettoniche: averle abbattute è un segno di grande civiltà ma forse prima bisognava capire che cosa c'era dentro il recinto, un piccolo monitoraggio nell'appartamento che si stava prendendo in affitto e un po più di rispetto per il padrone di casa. Ma niente di tutto questo è avvenuto e così Karolino ha fatto i bagagli, Baywatch vuole la sabbia color corallo altrimenti manda tutti al culo e Fior di Loto ha deciso di appoggiare il suo lato B almeno sulla poltrona che occupava Pannolone.

Mancando dalle trattative monsignore, al quale poco ha giovato la protezione della Isthumbadda di Monte Rosello, non c'è nessun altro che possa procedere alla moltiplicazione di sedie e sgabelli. Con la borsa della spesa a disposizione del Moro catalano sono saltati tutti i numeri. La follia gioiosa di questi ultimi giorni appare contagiosa. C'è aria di un gruppo misto ospedal-montagnino, ma ancora: una formazione che si era presentata con un binomio rischia di avere soltanto un passaggio ponte, anzichè la cuccetta.

Perfino Moana è sorpresa, ne ha visto di tutti i colori ma questa gli mancava: il partito del vento che soffia dalla Padania si è scontrato con il maestrale che da queste parti non scherza. E quando si incazza lascia anche il segno. Questa storia del duro che diventa molle riporta alla memoria il settimanale satirico Cuore che titolava: "I limiti della democrazia: troppi coglioni alle urne". E se lo diceva uno di sinistra come Michele Serra bisogna crederci. Ma anche la battuta di Emilio Fede: "Che figura di merda..."


Foto: -

ULTIME NOTIZIE

case e terreni