Politica

Stampa Diminuisci carattere Aumenta carattere

Alghero, Reis e reddito di cittadinanza: l'assessore Cavazzutti risponde a Forza Italia

  “Forza Italia non sprechi tempo né voce. Diriga l’ex Consigliere Marco Tedde, e di fretta, a protestare a Cagliari, in Regione. Si metta al fianco del Comune di Alghero che ha già chiesto urgenti chiarimenti, così come hanno fatto tantissimi comuni della Sardegna, sul pasticcio creato da Governo e Regione “amica” che sta penalizzando le famiglie algheresi. 122 famiglie messe alla corda da un corto circuito dannosissimo provocato da un conflitto di norme che sembrano apposta per penalizzare le famiglie più bisognose”. L’Assessore ai Servizi Sociali Angela Cavazzuti respinge al mittente le accuse sul Reddito di Inclusione Sociale, che il Comune di Alghero si è visto costretto a sospendere temporaneamente in attesa che la Regione si muova all’interno del guazzabuglio normativo creato insieme al Governo.

  “Alzi la voce a Cagliari e lasci le strumentalizzazioni becere su un argomento così delicato – risponde l’Assessora ai Servizi Sociali – e faccia la sua parte affinché la Regione si muova con la massima urgenza attivandosi con il Governo amico per riportare certezze al quadro normativo scombussolato dal conflitto tra reddito di Cittadinanza e Reis. Siamo continuamente al fianco delle famiglie che hanno visto interrotto il sussidio – aggiunge la Cavazzuti - con grande senso di responsabilità nonostante la vergognosa strumentalizzazione di Forza Italia, con l’auspicio che la Regione Sardegna dia segno capacità e si esprima in merito alla compatibilità del beneficio REIS anno 2018 con il Reddito di Cittadinanza e/o Pensione di Cittadinanza”. Gli uffici infatti si sono trovati impossibilitati a procedere e doverosamente hanno sospeso temporaneamente la liquidazione REIS maggio 2019 per n. 122 utenti la cui posizione, come risulta da piattaforma INPS, è interessata dall'erogazione di Reddito di Cittadinanza e/o Pensione di Cittadinanza.

Foto: -

ULTIME NOTIZIE

case e terreni