Arrestato il "coltivatore diretto" della piantagione di marijuana di Bonorva: un giovane di 20 anni di Bono

Le indagini che hanno seguito il sequestro di una piantagione di circa 250 piante di marijuana, operato nei giorni scorsi nelle campagne di Bonorva ad opera dei Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di quel centro, hanno permesso di individuare il responsabile dell’illecita coltivazione, che è stato arrestato presso la sua abitazione. Si tratta di P.G., lavoratore stagionale ventenne residente a Bono.

I militari dell’Arma di Bonorva, che ordinariamente svolgono attività di perlustrazione dell’agro tesa a prevenire e reprimere in particolare reati in materia di stupefacenti, avevano individuato la coltivazione e dalle indagini che ne sono scaturite, cui hanno collaborato i Carabinieri dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Sardegna, è emersa la responsabilità del P.G., che si trova quindi adesso sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. Le indagini ora proseguono per chiudere il cerchio ed assicurare alla giustizia anche i complici dell’arrestato.