Cagliari: la salvezza non è più un sogno - Il 9 maggio ultima spiaggia contro il Benevento

-
  Il Cagliari trova un pareggio inatteso ma con gran carattere contro un Napoli stanco e confuso. Il primo tempo si svolge con lentezza e tattica. Osimhen apre il conto dei gol quando al 12’ si infila tra Godin e Ceppitelli, su assist di Insigne, al primo tiro in porta del Napoli, buca il rientrante Cragno. La partita si spegne per riaccendersi solo al 27’ per uno squillo di Zappa sul palo. Dopo altri minuti prettamente tattici il Cagliari va vicino al pareggio al 44’ con un colpo di testa di Pavoletti e la ribattuta di Nandez parata miracolosamente da Meret. Il primo tempo si conclude 1 a 0 per il Napoli. 

  Napoli subito aggressivo all’inizio del secondo tempo con una conclusione pericolosa al 46’ di Osimhen; un palo e una traversa presa al 49’ da un’azione di concerto dell’attacco partenopeo. Il secondo tempo continua per i primi 15 minuti con questo ritmo; il Napoli attacca e il Cagliari difficilmente si difende. Il Cagliari prova a reagire ma senza successo ma dimostrando una certa capacità di reazione.

  Al 73’ dopo una violentissima testata fortuita tra Osimhen e Ceppitelli entrambi son costretti ad uscire dal campo, Osimhen ha perso una copiosa quantità di sangue e Ceppitelli ha perso quasi conoscenza. Da quest’incidente la partita ritorna tattica senza grossi spunti. All’87’ Pavoletti, dagli sviluppi di un calcio d’angolo, impegna Meret con un tiro ravvicinato. Al 94’ Nandez trova un importantissimo pareggio per il Cagliari portandolo a 34 punti, ad oggi matematicamente salvo.

  Il pareggio inaspettato fa ben sperare. Il Cagliari ha mostrato coraggio e ci ha provato fino alla fine a pareggiare la partita, riuscendoci. Ora bisogna voltare subito pagina, quello che conta da ora in poi, per i calciatori rossoblu è soltanto una data: il 9 maggio. In quella data, infatti, il Cagliari sarà impegnato in trasferta contro il Benevento, per uno scontro salvezza decisivo assolutamente da vincere per cercare di “salvare” una stagione fallimentare. (p.t.)