La Dinamo non si ferma: terza vittoria consecutiva

-
   Sfida accesa al PalaSerradimigni tra Dinamo Banco di Sardegna e la Pallacanestro Reggiana: gli ospiti arrivano in Sardegna a caccia di punti utili in chiave salvezza, dopo la vittoria di misura su Cantù. Il Banco approccia male al match e subisce l’aggressività di Reggio in avvio: gli ospiti controllano i primi 20' chiudendo avanti di 10 all’intervallo. Nel secondo tempo la Dinamo entra in campo con una faccia diversa e, condotta da Eimantas Bendzius e Miro Bilan unita alla grande intensità difensiva del gruppo, mette la testa avanti. Al termine di un ultimo quarto di vera battaglia il Banco chiude la partita centrando terza vittoria consecutiva.

   La Dinamo con Happ indisponibile schiera il classico starting five biancoblu con Spissu, Bilan, Burnell, Bendzius e Gentile, mentre coach Caja risponde con Lemar, Taylor, Elegar, Johnson e Kynzlink. Reggio Emilia parte forte e firma un break di 6-0 in apertura con l’ex Cagliari Johnson, Leymar e Taylor. Marco Spissu sblocca il Banco dopo oltre 2’ di gioco, Bendzius monetizza il secondo fallo di Elegar e impatta sul 5-6. Burnello dall’angolo sigla la parità a quota 8, Reggio risponde con un parziale di 7 punti, 5 firmati di Kynzlink e coach Gianmarco Pozzecco vuole parlarci su (8-15). La Unahotels scappa sul +10, Katic accorcia a cronometro fermo e Treier dall’arco (15-20). Il numero 3 estone infila il quinto punto consecutivo con reverse che dice -3, risponde Lemar dai 6.75.

  Bendzius accorcia dalla lunetta ma Baldi Rossi chiude il primo quarto 19-25. Kruslin apre la seconda frazione con tre liberi riportando i suoi a un possesso di distanza, Lemar -primo a portarsi in doppia cifra- risponde per Reggio Emilia e Baldi Rossi scrive il +11. Spissu sblocca gli isolani, risponde Sims dalla media. Tecnico per proteste a coach Attilio Caja, Spissu monetizza dalla lunetta: ma la reazione emiliana non si fa attendere. Break condotto da Lemar: la schiacciata di Johnson dice -13 Dinamo (28-41). 4-0 biancoblu con Bilan e Bendzius, gli uomini di Caja rispondono con 5 punti della coppia Kynzlink e Taylor. Gli ospiti scappano a +15, Gentile e Kruslin accorciano dalla lunga distanza. Canestro and one di Treier costretto a fare gli straordinari con Miro Bilan sanzionato di 3 falli: alla seconda sirena il tabellone dice 43-53.

   La Dinamo entra nel secondo tempo con una faccia diversa: concede i primi due punti a Elegar poi piazza un parziale di 8 lunghezze, con Bilan e un ispirato Eimantas Bendzius, a quota 14. Dopo i primi 3’ del terzo quarto 51-55, Reggio si sblocca dopo il timeout con Bonacini. La tripla di Bendzius porta il Banco a -1, Taylor ricaccia indietro gli avversari e Reggio Emilia domina a rimbalzo in attacco, sfruttando tante seconde occasioni. È il lituano a scrivere il 63 pari, Candi ripaga con la stessa moneta: è aperta la sparatoria, risponde Kruslin da oltre 7 metri. Bilan a cronometro fermo monetizza il secondo fallo di Elegar, il libero di Johnson chiude la terza frazione 68-69. Una magia di Kruslin firma il primo sorpasso della Dinamo dopo 30’, controsorpasso Reggio con Lemar. Il Banco bombarda con Benji e Treier, la difesa di Katic mette in difficoltà gli ospiti.

  Taylor interrompe il digiuno emiliano con la bomba del -2. Partita che diventa una danza a due, Johnson e Taylor riportano la Unahotels in parità: Miro Bilan però trascina Sassari avanti con due canestri importantissimi (82-78). Bilan allunga il break e Gentile si prende il fallo in attacco di Lemar: ma la Pallacanestro Reggiana non molla e ritorna a -4 con Lemar. Tripla di Marco Spissu che dice +7 quando inizia l’ultimo giro di cronometro: Bilan e Spissu in lunetta per mettere il sigillo alla vittoria.

   La Dinamo vince nonostante un avvio complicato e una Reggio Emilia mai doma: al PalaSerradimigni finisce 89-82. Dinamo Banco di Sardegna – Reggio Emilia 89-82 Parziali: 19-25; 24-28; 25-16;21-13. Progressivi: 19-25; 43-53; 68-69; 89-82. Dinamo Banco di Sardegna: Spissu 11, Bilan 17, Treier 13, Chessa , Kruslin 11, Happ, Katic 2, Re, Burnell 5, Bendzius 25, Gandini, Gentile 5. All. Pozzecco Assist: Katic 6 - Rimbalzi: Burnell 9 Reggio Emilia. Lemar 19, Candi 3, Baldi Rossi 4, Porfilio, Taylor 11, Elegar 14, Soliani, Sims 5, Johnson 13, Bonacini 2, Diouf, Kynzlink 11. All. Attilio Caja Assist: Taylor 8 - Rimbalzi: Elegar e Johnson 8

   "Vorrei prima di tutto fare i complimenti alla Dinamo femminile che ieri ha ottenuto la salvezza e allo staff tecnico che ha fatto un lavoro incredibile guidando il gruppo. Noi, come parte della famiglia Dinamo, godiamo di questo successo, un risultato incredibile per le ragazze che dopo aver vissuto un’annata tribolata sono riuscite a restare unite. Detto questo, parlo di oggi e dico che sono un po’ dispiaciuto per come abbiamo iniziato la partita perché è stato lo specchio di due allenamenti sotto tono ma è anche vero che in questo periodo dell’anno è difficile essere freschi mentalmente per avere l’energia giusta e sufficiente ed allenarsi con continuità.

   Al di là di questo è vero che i ragazzi nel terzo e quarto quarto hanno svolto un lavoro impressionante, specialmente dal punto di vista difensivo. Per una squadra come la nostra, che è notoriamente offensiva, credo che sia un ottimo risultato, abbiamo una consapevolezza difensiva mai avuta e in attacco giocatori straordinari, continuerò a ripeterlo all’infinito. Mi dispiace non aver dato spazio a Gandini perché posso assicurarvi che lo meriterebbe sempre, sia lui che Massimo Chessa. Entrambi sono pedine fondamentali di questa squadra, l’apporto di tutti oggi è stato entusiasmante: Treier ha fatto una grande partita, Katic è stato decisivo nei momenti cruciali e poi è vero che io stravedo per Leday ma sono comunque convinto che l’mvp del campionato debba essere Bilan".