Cultura

Stampa Diminuisci carattere Aumenta carattere

Alghero: "Singolare maschile, Plurale femminile" - Festival di Vetera e Nova - Si comincia nella Biblioteca San Michele

  Il Festival dell'associazione Vetera et Nova, "Singolare maschile, Plurale femminile", è quest’anno alla sua prima edizione e si svolgerà ad Alghero dal 30 giugno al 2 luglio. Collocato in un contesto architettonico unico in Sardegna, il Festival di Vetera et Nova si caratterizza subito per il legame tra storia, economia, musica e filosofia: il primo appuntamento, venerdì 30 giugno alle ore 18,00 è alla Biblioteca San Michele, presso il Quarter e si intitola "C'agio gran sapienza ma certo non ne sono amantata", tratto da un verso di uno dei sonetti della poetessa medievale Compiuta Donzella e si propone di compiere un viaggio nell'imprenditoria femminile locale tra Medioevo ed età contemporanea.

   L’incontro si aprirà con i saluti della Presidente della Commissione Pari Opportunità, Dott.ssa Speranza Piredda ed altre Autorità, poi Giuliana Ceravola, Presidentessa dell’associazione Vetera et Nova, farà da moderatrice ai diversi interventi, secondo il seguente programma: Angela Simula, Archeologa: "Vigneti femminili nel medioevo: il monastero femminile di S.Pietro di Silki"; Gianfranca Pirisi, Imprenditrice: "L'imprenditoria femminile nel settore agricolo"; Nadia De Santis, Marketing Manager: "Tradizione e innovazione con WineApp"; Marirosa Martinelli, Presidente FIDAPA e Annamaria Rognoni, referente FIDAPA per l’organizzazione del Premio "L'oro di Alghero": "Attività della FIDAPA per la valorizzazione delle professioni femminili". Sono invitate a partecipare al dibattito rappresentanze del mondo dell'imprenditoria, delle associazioni di categoria e degli ordini professionali.

  Il Festival si trasferisce sabato 1' luglio al Museo diocesano d'Arte Sacra, dove alle 20,30 ci sarà il concerto per viola da gamba, voce e liuto "Occhi vagni e leggiadri", durante il quale il duo Daniele Cernuto, Calogero Sportato rappresenteranno melodie rinascimentali come in un'opera lirica delle origini, quando la filosofia era influenzata dalla nascente scienza moderna e contaminava i testi letterari con le sue gustosissime metafore. A conclusione del Festival, domenica 2 luglio, sempre al Museo diocesano d'Arte Sacra, alle 20,30 entrerà in scena il flauto di Mauro Uselli per accompagnarci in un percorso di riflessione musicale sulle note di J. S. Bach nel concerto dal titolo "Solo et pensoso". Il Festival ha ricevuto il Patrocinio del Comune di Alghero ed è stato interamente finanziato da sponsor privati. L'incontro alla Biblioteca San Michele è ad ingresso libero; ai concerti si accede con il biglietto di ingresso al Museo diocesano.

Foto: -

case e terreni

ULTIME NOTIZIE

METEO

meteo

Meteo Alghero

Temperatura: 5°C

Previsioni per i prossimi giorni