Trasferta veneta per l’organista sassarese Ugo Spanu

-
  Lo scorso fine settimana è stato protagonista di due apprezzati concerti inseriti nei prestigiosi cartelloni del Festival organistico internazionale di Vicenza e del Festival degli organi storici veronesi. Eventi di grande importanza e dal respiro continentale, ai quali ha partecipato l’Associazione Arte in Musica. Una formula che ha portato il sodalizio a collaborare con realtà della Penisola, ma anche un riconoscimento per il maestro Ugo Spanu, che da anni cura la Rassegna Organistica organizzata da Arte in Musica tra Alghero e Sassari, con tappe in altre località dell’Isola. Al festival vicentino quest’anno sono intervenuti celebri virtuosi delle tastiere, come Wayne Marshall, star mondiale dell’organo, e Johannes Skudlik, Enrico Zanonello, Roberto Bonetto, Olimpio Medori, noti al pubblico sardo per le partecipazioni alla Rassegna Internazionale Organistica. 

   Nel concerto di sabato 13 novembre sono stati eseguiti: di Alexandre Pierre François Boëly Fantasia et Fuga in Si b magg. op. 18 n. 6, di Vincenzo Antonio Petrali Adagio per l'Elevazione in mi b magg. e "Sonata finale" in re magg. dalla "Messa solenne in fa magg.”, di Filippo Capocci Offertorio in si b magg. e Scherzo in re magg. e di Johann Sebastian Bach Fantasia in C moll BWV 562. Domenica 14 Ugo Spanu è stato affiancato dal soprano Plamena Angelova. Questo il programma: Eternal source of light divine dall'Ode per il compleanno della Regina Anna HWV 74 di Georg Friederich Haendel, Ciaccona Balletto per organo solo di Bernardo Storace, Domine Deus dal Gloria RV 589 di Antonio Vivaldi, Concerto grosso Op. 6 Nr. 3 in Do minore (appropriato all'organo da T. Billington) di Arcangelo Corelli (1653-1713), Aus Liebe will mein Heiland sterben (Aria dalla Passione secondo San Matteo BWV 244) di Johann Sebastian Bach, Concerto Nr. 3 RV 310 da L'Estro Armonico (trascrizione di J. S. Bach BWV 978) di Antonio Vivaldi e, di Wolfgang Amadeus Mozart, Et lncarnatus dalla Messa in Do minore K 427 e Alleluja dal mottetto Exultate, Jubilate K165.