Da lunedì Florinas in Giallo riparte con Gianfranco Cambosu

-
  “Alle sette della sera, Florinas in Giallo online”. Il titolo racconta già (quasi) tutto, e infatti il festival della letteratura poliziesca, thriller e del mistero sta per tornare con cinque scrittori da brividi, intervistati da altrettanti colleghi. Tutti, ovviamente, alle sette di sera, e tutti naturalmente online. A portata di click sulle pagine Facebook di Florinas in Giallo e del Sistema bibliotecario Coros Figulinas.

   Il primo ospite, lunedì 16 ottobre, è Gianfranco Cambosu con il suo nuovo romanzo “Il paese delle croci”, che poi passa il testimone a Eleonora Carta (“Piani inclinati”) mercoledì 18; a Maurizio Galante (“Petali dall’inferno”) venerdì 20; a Danila Marsotto (“La canzone del commissario Baleni”) martedì 24; e a Pier Bruno Cosso (“Solo danni collaterali”) venerdì 27. “Alle sette della sera, Florinas in Giallo online” fa parte dell’undicesima edizione del festival letterario “Florinas in Giallo”, organizzato dal Comune di Florinas con la direzione artistica delle librerie Cyrano di Alghero e Azuni di Sassari.

   La scelta di far incontrare autori e lettori online rispetta le norme anticovid. Ed è anche un modo per portare direttamente nelle case i libri, le storie, il confronto su temi che raccontano la società attraverso la lente della letteratura gialla e noir. Nella realtà geograficamente vicina della Barbagia, trasfigurata nel paesino immaginario di Sas Ruches durante gli anni Settanta, lo scrittore nuorese Gianfranco Cambosu ambienta il suo nuovo romanzo, “Il pase delle croci” (Emersioni), finalista al Premio Alberto Tedeschi.

  Il protagonista del libro, Ercole Cassandra, indaga sulla morte del padre, un capitano dei Carabinieri, all’interno di un’intricata vicenda che ha al centro la scuola media del paesino, un traffico di bronzetti nuragici e una violenza di gruppo. A dialogare con l’autore ci sarà lo scrittore Pier Bruno Cosso. Il 18 novembre Eleonora Carta, intervistata da Ciro Auriemma, presenta il suo thriller psicologico “Piani inclinati” (Piemme).

  Nata a Iglesias, residente a Torino, una laurea in Giurisprudenza e una carriera da avvocato mai intrapresa per dedicarsi alla scrittura, Carta mette al centro di “Piani inclinati” la scomparsa di un bambino di sette anni, e le indagini condotte dal maggiore del ROS Linda De Falco per risalire ai colpevoli della sua morte.

   L’appuntato Carlo Malatesta, dipendente dall’alcol e in fuga dal proprio passato, si ritrova coinvolto in una vicenda ai limiti del sovrannaturale quando scopre nel giardino di casa sua due misteriose audiocassette. Prende avvio così il noir “Petali dall’inferno” (Scatole parlanti), che lo scrittore sassarese Maurizio Galanti presenta il 20 novembre insieme a Tore Corveddu.

  Il 24 novembre, Danila Marsotto – con Neria De Giovanni - parla de “La canzone del commissario Baleni” (Nemapress), una nuova indagine del commissario già protagonista dei due libri precedenti dell’autrice. L’ultimo appuntamento, il 27 novembre, è con Pier Bruno Cosso e il suo “Solo danni collaterali” (Marlin), ispirato alla vicenda drammatica di un medico vittima di una persecuzione giudiziaria. Dialoga con l’autore Gianfranco Cambosu.