Cultura

Stampa Diminuisci carattere Aumenta carattere

Un disegno di legge per ratificare la carta europea delle lingue minoritarie

  E garantire un maggiore riconoscimento del sardo. Lo ha presentato il senatore del Movimento 5 Stelle Gianni Marilotti che lo illustrerà a Cagliari alla presenza del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega agli affari regionali e autonomia Stefano Buffagni. All’incontro parteciperà anche il parlamentare del Movimento Pino Cabras, che presenterà la traduzione in sardo (ma anche in sassarese, catalano, algherese e tabarchino) dei quindici punti del programma di Francesco Desogus, candidato alla presidenza della Regione del M5S. Appuntamento mercoledì 13 febbraio alle 16 al Centro Exmè di via Antonio Sanna. Insieme a Marilotti, Cabras e Buffagni, interverranno anche gli esperti di lingua sarda Antonio Ignazio Garau, Diego Corraine e Massimo Madrigale.

   Dopo diciannove anni il parlamento si appresta finalmente a dare il via libera alla Carta europea delle lingue regionali o minoritarie. Approvata a Strasburgo il 5 novembre 1992, la Carta era stata sottoscritta dall’Italia nel 2000 ma da allora non è stata mai ratificata. Ora un disegno di legge che ha come primo firmatario il senatore del Movimento 5 Stelle Gianni Marilotti, spiana la strada a questa importante novità che consentirà di tutelare ulteriormente a tutti i livelli la lingua sarda, nelle scuole come nelle università che nella pubblica amministrazione, sia attraverso una adeguata programmazione nei palinsesti del servizio pubblico che nel web. “La ratifica della Carta europea è una richiesta che da tempo veniva avanzata da tutto il movimento linguistico sardo” spiega Marilotti, “perché garantisce un più ampio riconoscimento del nostro patrimonio culturale.

   Grazie alla ratifica, sarà possibile infatti estendere ulteriormente l’uso della lingua sarda nella pubblica amministrazione e nell’ambito dell’istruzione. La ratifica dà infatti più forza alla legge 482 del 1999 sulle minoranze linguistiche e alla legge regionale recentemente approvata”. La Carta è già stata firmata da 33 stati membri del Consiglio d'Europa e ha come obiettivo quello di promuovere l’utilizzo delle lingue minoritarie, al fine di salvaguardare l'eredità e le tradizioni culturali europee, nonché il rispetto della volontà dei singoli di poter usare tali lingue nell'ambito delle attività pubbliche o private.

Foto: -

ULTIME NOTIZIE

case e terreni