Gli anfibi del Parco dell'Asinara

-
  Giovedì 25 giugno alle ore 17 il Parco Nazionale dell’Asinara organizza un incontro in diretta web di approfondimento sui problemi di conservazione degli anfibi e sul Progetto Wet Fly Amphibia, sui canali social del Parco e sulla piattaforma www.asinarawebmeeting.it. All’incontro parteciperanno il il Direttore Vittorio Gazale che modererà il dibattito e il Direttore del Parco delle Foreste Casentinesi Alessandro Bottacci, la ricercatrice Claudia Corti dell’Università di Firenze, che presenterà le tre specie presenti sull’isola e i rappresentanti dei partner coinvolti nel progetto, Sebastiano Salvidio dell’Università di Genova, Marcello Miozzo di Dream Italia, Simone Orsengo dell’Università di Pavia e Sandro Piazzini erpetologo del Parco delle Foreste Casentinesi.

  Verranno raccontate alcune azioni di conservazione di aree umide nei due Parchi, principalmente nel rafforzamento delle popolazioni di anfibi e nella salvaguardia e ripristino della vegetazione associata. Verrà presentato il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna che con i suoi 36.000 ettari, a cavallo tra Romagna e Toscana, rappresenta uno dei Parchi più forestati d’Italia e racchiude al suo interno un Patrimonio dell’Umanità UNESCO: la Riserva Naturale Integrale di Sasso Fratino (prima riserva integrale istituita in Italia nel 1959) con una delle faggete vetuste meglio preservate di tutto il continente europeo. Un’area Protetta pertanto completamente differente dall’Isola dell’Asinara e sarà interessante valutare le differenze di biodiversità tra le due realtà.