Alghero: liquami anche in porto - Denuncia del Gruppo di Intervento Giuridico

  Il Gruppo di Intervento Giuridico di Cagliairi, rappresentato da Stefano Deliperi, ritorna nuovamente alla carica per segnalare precarietà di tipo ambientale che riguardano, in questo caso, l'area portuale e quella turistica nel dettaglio. L'associazione ambientalista afferma: "Destano sconcerto le segnalazioni che giungono riguardo i persistenti fenomeni di inquinamento marino da liquami, sia nel porto turistico e nelle aree adiacenti, sia nel mare sotto i Bastioni.

   Diportisti, genitori di piccoli velisti, residenti turisti, lo spettacolo è indecente, soprattutto nel pieno della stagione estiva. L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus aveva già inoltrato (13 agosto 2018) una specifica istanza di accesso civico, informazioni ambientali e adozione di provvedimenti riguardo l’inquinamento marino sotto le fortificazioni storiche algheresi e ora (21 agosto 2018) ne inoltra una successiva riguardo il fenomeno inquinante segnalato al porto turistico e nelle acque vicine.

  Si ricorda che gli scarichi non trattati nell’area portuale sono vietati (artt. 70 cod. nav. e 41 dell’ordinanza n. 21/2017, Regolamento del porto di Alghero), come esplicitato dalla direttiva Ministero Ambiente 29 luglio 2005. Sono stati interessati il Ministero dell’ambiente, il Comune di Alghero, l’A.R.P.A.S., il locale Ufficio circondariale marittimo, i Carabinieri del N.O.E., e nel contempo la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sassari. L’auspicio è che si ponga fine, una buona volta, - conclude il Gruppo di Intervento Giuridico - a un inquinamento marino devastante per l’ambiente, la salute e l’immagine turistica di Alghero".