Economia

Stampa Diminuisci carattere Aumenta carattere

La Sardegna conserva per il secondo anno consecutivo il triste primato di Regione con maggiori perdite nella produzione del vino

  Anche la vendemmia di quest’anno, come lo scorso anno, è infatti condizionata dalle avverse condizioni metereologiche e si preannuncia, secondo le previsioni di Assoenologi, inferiore del 19% (560.000 ettolitri) rispetto alla media regionale degli ultimi 5 anni (690.000), - 7% rispetto agli ultimi 10 anni (604.000), - 30% rispetto al 2016 (804.000 ettolitri). La Sardegna, secondo queste previsioni, è quella che in percentuale ha le maggiori perdite tra tutte le regioni italiane rispetto alla media degli ultimi cinque anni. Queste sono dovute alle straordinarie precipitazioni e grandinate del mese scorso che hanno classificato agosto come il più piovoso da quando si rilevano i dati (1922), che si sommano ad una primavera altrettanto piovosa.

   L’eccesso idrico ha, nei territori dove si sono abbattuti i nubifragi (a macchia di leopardo ma in particolare nel centro sud ed in particolare nelle coste), praticamente rovinato gli acini. Inoltre la lunga umidità ha favorito la diffusione dei parassiti che solo grazie agli esperti tecnici presenti in cantina non sono stati eccessivamente dannosi dal momento che sarebbero potuti essere molto più cospicui. Solo rispetto allo scorso anno (466.000 ettolitri) le previsioni di quest’anno sono positive, + 20%. Anche 12 mesi fa, infatti, la produzione fu condizionata in negativo dal clima anomalo. Oggi è la troppa pioggia, nel 2017 la siccità, il troppo caldo e le gelate di metà aprile, dimezzarono le produzioni rispetto all’anno prima – 42%; - 32% agli ultimi cinque e – 23% rispetto ai dieci anni precedenti. Quest’anno la situazione oltre a non essere così disastrosa è molto frammentata: ci sono situazioni al limite e altre in cui non si registrano perdite. Ad accomunare tutti sono sicuramente i costi di gestione, molto più alti.

   “Le ultime due annate stanno mettendo a dura prova un settore che seppur piccolo a livello nazionale (quest’anno la nostra vendemmia produrrà l’1% del totale italiano, che si conferma prima produttrice mondiale di vino), si sta distinguendo per la grande vivacità, dinamicità ed innovazione, con tanti giovani che si stanno riavvicinando alla terra grazie alla vite” evidenzia il direttore di Coldiretti Sardegna Luca Saba. “Prima delle calamità naturali, che giocoforza condizionano il raccolto, il settore vitivinicolo sardo presentava un trend positivo. Nel 2015 era la Regione che vantava la maggior crescita di produzione in percentuale di vino in Italia rispetto ai 5 anni precedenti con un + 37 per cento, rispetto ad una media nazionale di + 8%”. In Sardegna la superficie vitata è di oltre 26mila ettari, con circa 39mila aziende viticole. La media delle dimensioni aziendali è di 0,7 ettari, con il 47 per cento della superficie inferiore a 1 ettaro e il 2,1 per cento superiore ai 5 ettari.

   “Anche in un momento di grave difficoltà – dice il presidente di Coldiretti Sardegna Battista – la viticoltura sta sapendo reagire e sta mettendo in pratica tutto il lavoro, le ricerche e le tecnologie di cui contano in azienda. Ed è grazie ad imprenditori innovativi e lungimiranti e ai bravi tecnici di cui dispongono che stanno reggendo l’urto e limitando le avversità atmosferiche che altrimenti li avrebbe mandati sul lastrico. I danni però sono comunque ingenti e il settore necessita di liquidità. Per questo ci appelliamo ancora una volta alla Regione affinché accorcino i tempi di liquidazione dei denari stanziati per la siccità del 2017”.

Foto: -

case e terreni

ULTIME NOTIZIE

METEO

meteo

Meteo Alghero

Temperatura: 23°C

Previsioni per i prossimi giorni