Economia

Stampa Diminuisci carattere Aumenta carattere

Camping in Sardegna: 100 milioni di euro di fatturato, 3.400 addetti, poco meno di 5 milioni di presenze - Antieconomico penalizzare il settore

  Nell’incontro tenutosi oggi a Oristano, FAITA FederCamping Sardegna ha ribadito che il comparto turistico all’aria aperta è fondamentale per l’economia sarda e che il tentativo di renderlo non competitivo e marginale con misure politiche penalizzanti (come la recente approvazione dell’emendamento Rossomori da parte del Consiglio Regionale) non è strategico ed è, addirittura, anti-economico: i trend nazionali e internazionali registrano, infatti, una crescita continua della curva del turismo all’aria aperta, di quei visitatori che desiderano che la propria vacanza sia agganciata all’esperienza del territorio, del viaggio e della natura.

   I campeggi e i villaggi giocano, quindi, un ruolo sempre più importante sia in Italia che in tutta Europa. In particolare, le mobil-home o case mobili, le lodge tent, che si stanno diffondendo a macchia d’olio, e il concetto generale di gampling (glamour camping) rappresentano l’evoluzione naturale di campeggi e villaggi. Molte Regioni italiane hanno, in questi anni, alla luce delle suddette considerazioni, adeguato la propria regolamentazione a favore del turismo all’aria aperta e delle installazioni mobili in dotazione negli stessi (si va dal 30% al 60%). In particolare la Regione Toscana nel 2017 e la Regione Puglia nel 2018 hanno, tra l’altro, incrementato la possibilità delle dotazioni percentuali delle installazioni mobili nelle strutture all’aria aperta (60% la Puglia, in Toscana dal 30 al 70%).

  “Forse che queste ultime Regioni, anch’esse come la nostra dotate di Piano Territoriale Paesistico, hanno minore attenzione al paesaggio rispetto alla Sardegna? – ha dichiarato il Presidente di Faita FederCamping Sardegna Giuseppe Vacca – O forse sono amministrate da Governi Regionali meno sensibili del nostro verso il paesaggio, la sostenibilità e la tutela dell’ambiente? Non credo. Penso che le Amministrazioni si stiano adeguando alle nuove esigenze e richieste dei turisti aggiornando le normative di settore attraverso un piano di programmazione turistica coerente. Ciò di cui avrebbe bisogno anche la Sardegna”. Le strutture aderenti a FAITA FederCamping Sardegna, a tal proposito, sono concordi nell’affermare che quello delle case mobili o delle lodge tent non è e non sarà mai considerato un tipo di turismo cosiddetto stanziale, proprio perché in controtendenza all’idea stessa di campeggio o villaggio. Gli ospiti che sceglieranno questa tipologia di alloggio, pertanto, vi soggiorneranno soltanto per un breve periodo e limitato alle proprie vacanze.

  Tra gli articoli della legge urbanistica in discussione c’è il possibile aumento delle volumetrie del 25% rispetto all’esistente; FAITA FederCamping Sardegna considera positivamente quanto previsto anche perché è fondamentale poter migliorare la qualità dei servizi già presenti nei campeggi e nei villaggi e per offrirne di nuovi. “Tuttavia – si chiede il Presidente Vacca – perché non pensare che gli eventuali incrementi volumetrici, previsti dal disegno di legge sulla gestione del territorio nella percentuale massima del 25% dei volumi esistenti, possano (esclusivamente per i campeggi che hanno costruito meno di 5.000 metri cubi) realizzare, in deroga alle attuali limitazioni, una quantità minima di 1.500 metri cubi destinata solo ed esclusivamente al miglioramento dei servizi e all’adeguamento degli standard qualitativi al fine di migliorare la classificazione della struttura?”. L’obiettivo di FAITA FederCamping Sardegna è, infatti, quello di migliorare ulteriormente i servizi e rispondere in maniera sempre più efficiente alle richieste della propria clientela per aumentare i visitatori, anche nei mesi di spalla, e conseguentemente i benefici economici per tutta l’isola.

  Già oggi il comparto turistico all’aria aperta, infatti, risulta decisamente rilevante in termini di fatturato, occupazione, indotto e di presenze: l’intero settore occupa 3.400 addetti (il 90% sardo), ha circa 4,5 milioni di presenze annuali, con un fatturato di circa 100 milioni di euro e con un indotto stimato di 250 milioni di euro. Ogni euro speso in una nostra struttura genera circa 2,5 euro come ricaduta sul territorio. La maggior parte dei campeggi sono di proprietà di imprenditori sardi o patrimonio delle amministrazioni locali. Il comparto è, inoltre, in grado di contribuire alla destagionalizzazione (già oggi i campeggi restano aperti circa 6 mesi all’anno). A questo proposito bisognerà discutere con gli Enti Locali e le Istituzioni Regionali come modulare i prezzi delle utilities (acqua, energia, rifiuti, etc.) in base alle presenze effettive e non solo quelle riferite al periodo di apertura delle strutture. Infine, per uniformità rispetto ad altre Regioni d’Italia e per una maggiore chiarezza per i turisti, FAITA FederCamping Sardegna chiede l’approvazione di nuovi standard strutturali e dei requisiti per la classificazione dei campeggi e dei villaggi turistici con un massimo di 5 stelle.

  Più della metà (57%) delle strutture FAITA FederCamping Sardegna è classificata con 3 stelle e più del 20% classificata con 4 stelle. Nell’attuale normativa regionale delle strutture all’aria aperta, infatti, è previsto che nella classificazione di queste strutture si possa assegnare un massimo di 4 stelle. Oltre che “allineare” la normativa regionale a quella della maggior parte delle altre Regioni, l’introduzione della quinta stella permetterebbe a molte strutture di eccellenza associate a FAITA, che già oggi hanno i requisiti richiesti, di poter concorrere sui mercati nazionali e internazionali alla pari con le altre realtà. Questo riconoscimento andrebbe quindi a migliorare la competitività delle strutture ricettive sarde e ad aumentarne ulteriormente la redditività. Poiché già oggi molti campeggi e villaggi sardi sono giudicati tra i migliori in Europa, è ragionevole pensare che si assisterebbe a una gara di emulazione verso l’eccellenza con vantaggi per l’intero mondo del turismo regionale (con buona pace di quelli a cui non piace il turismo all’aria aperta).

Foto: -

case e terreni

ULTIME NOTIZIE

METEO

meteo

Meteo Alghero

Temperatura: 30°C

Previsioni per i prossimi giorni