Confartigianato Sardegna: webinar sul nuovo digitale terrestre

-
  Del passaggio per le televisioni al nuovo digitale terrestre DBV-T2 e delle sue implicazioni per le imprese e i cittadini, si parlerà domani, mercoledì 6 ottobre (dalle 17.30) nel seminario dal titolo “Nuovo digitale terrestre, nuove tecnologie di trasmissione dei programmi”, organizzato da Confartigianato Imprese e dalla Direzione Reti e Piattaforme – area CTO – Infrastrutture Tecnologiche della RAI, e che potrà essere seguito nel webinar on line (piattaforma WEBEX) sul sito www.confartigianatosardegna.it. Il tema affrontato sarà il passaggio per le televisioni al DBV-T2 e il mutamento dall’attuale standard di codifica video MPEG-2 in favore dell’MPEG-4, con il successivo abbandono dello standard di trasmissione DVB-T. Tutte novità che permetteranno di godere di qualità e definizione più alte. Per questo importante passaggio è stato definito un piano nazionale di assegnazione delle frequenze da destinare al servizio televisivo digitale terrestre.

  Nel tempo sono state inoltre emanate diverse norme per assicurare il rilascio delle frequenze da parte di tutti gli operatori di rete titolari di relativi diritti d’uso in ambito nazionale e locale e la ristrutturazione del multiplex contenente l’informazione regionale da parte della RAI. L’utilità della partecipazione all’incontro per gli imprenditori del settore, alla vigilia della prima imminente scadenza fissata per il prossimo 20 ottobre, che vedrà 9 canali RAI attualmente diffusi in MPEG-2 distribuiti solo in MPEG-4, è quella di poter raccogliere quante più informazioni possibili in previsione di una massiccia richiesta di consulenza da parte di tutti quei possessori di TV non in HD, che non potranno più vedere questi canali. Il webinar perciò affronterà in modo approfondito un cambiamento tecnologico che, investe sicuramente i cittadini, ma che coinvolge in modo significativo gli artigiani installatori e manutentori di impianti d’antenna che si troveranno nell’immediato futuro a dover illustrare ai propri clienti il funzionamento di tale transazione.