Parco di Porto Conte: la riserva riferimento per le gite fuori porta

-
  Pienone di visitatori nel weekend nei siti naturalistici di Punta Giglio e Prigionette. Quasi 400 persone hanno fruito del percorso dell’Arca di Noè. Numerose le presenze anche nel percorso lungo il promontorio di Punta Giglio. La ripresa, parziale, delle attività del Parco naturale regionale di Porto Conte con la riapertura al pubblico dei siti naturalistici di Punta Giglio e Prigionette fa registrare, durante il fine settimane, dei numeri record. Cifre confortanti che evidenziano la voglia di natura, spazi all’aperto e verde da parte delle persone. La grande maggioranza dei visitatori è rappresentata da famiglie del territorio, diversi i nuclei di villeggianti giunti da altre zone della Sardegna. L’oasi naturale de Le Prigionette è visitabile nei weekend, mentre i percorsi di Punta Giglio sono sempre aperti. 

  Nei prossimi fine settimana il Parco riprenderò completamente la propria attività con la riapertura al pubblico delle attrattive multimediali e culturali di Casa Gioiosa a Tramariglio (parco tematico del Piccolo Principe, parco immersivo marino Teleia, museo della memoria carceraria, mostra del Maestro Elio Pulli). Il Museo MASE dedicato allo scrittore Antoine de Saint Exupery presso la Torre Nuova a Porto Conte, sempre in attesa di nuove modifiche alle limitazioni previste dalle normative anti-Covid, è aperto ogni giovedi e venerdi dalle 10 alle 17.