Tre giornate per rivivere "l'800 ad Alghero" - Alla Lepanto la cena risorgimentale

Dopo il successo delle scorse due edizioni, torna il grande evento che ha fatto sognare la città di Alghero e i suoi visitatori. “l’800 ad Alghero” terza edizione avrà inizio venerdì 13 dicembre e si concluderà domenica 15. La formula è sempre la stessa ma ci saranno delle novità: da un lato momenti culturali legati alla storia del territorio, dall’altro gli appuntamenti ludico ricreativi dove il pubblico potrà vivere l’esperienza evocativa da protagonista. 

L’”Associazione Itinerari nel tempo “ ha voluto con questa edizione calarsi ancora di più nel territorio, cercando di valorizzare i momenti storici e i personaggi dell’800 che ne hanno fatto parte, soprattutto ad Alghero e in Sardegna. Uno spaccato della storia di questa città verrà raccontata in modo originale e coinvolgente venerdi 13 alle 19 00 al museo Casa Manno attraverso la lettura di due lettere inedite del canonico Efisio Manno a cura della compagnia teatrale El Telò, e l’analisi della calligrafia nell’ 800 a cura della dottoressa Elisa Peddis. 

L’introduzione storica è di Mauro Porcu, direttore del museo. Sabato 14 dicembre è in programma il momento più coinvolgente per il pubblico: la passeggiata in abito storico nel centro cittadino che partirà da piazza Sulis e si snoderà per le vie della città vecchia, per concludersi davanti al ristorante la Lepanto. Proprio in quest’ultima location verrà evocata una cena risorgimentale, tipica dell’epoca, dove verranno degustati piatti italiani e algheresi, presentati nel menù curato dall’esperto gastronomo Giovanni Fancello. 

Tutto il contesto in cui si svolge la cena è curato nei minimi dettagli : sarà riprodotta l’atmosfera ottocentesca con i tavoli imperiali, i candelabri, assegna posto, centrotavola e musica, con i figuranti in abito che aiuteranno a calarsi completamente nel momento evocativo. Domenica in attesa del gran ballo di Natale che si svolgerà al chiostro di San Francesco alle 20 30, sotto la direzione artistica di Alessia Branchi dell’ Associazione culturale 8cento di Bologna, tutti i partecipanti in abito storico riproporranno la promenade per le vie del centro. La serata si concluderà con il gran ballo dove il pubblico potrà assistere alle danze tipiche risorgimentali messe in scena dai ballerini della scuola di danza di Bologna e di Alghero. 

Come nella scorsa edizione, chiunque volesse partecipare alle passeggiate o alla cena d’atmosfera e vivere da protagonista questo evento lo può fare contattando l’Associazione “Itinerari nel tempo” all’indirizzo mail itinerari16@gmail.com o chiamare al numero 3388029471. L’evento, che rientra tra gli appuntamenti del Cap de Any de l’Alguer, è stato cofinanziato dalla Camera di Commercio di Sassari e gode del patrocinio del comune di Alghero e della Fondazione.

Foto della edizione precedente.


Photogallery: