Da giovedì Matex anche sul web - Numerose novità

-
  MATEX, la televisione di pubblica utilità al servizio dei cittadini, senza pubblicità, raddoppia. Dopo l'esordio dello scorso 1 ottobre sul canale 272 del Digitale Terrestre, per ora visibile solo in Sardegna, da domani, giovedì 15 di ottobre, la televisione sarà anche sul web attraverso una piattaforma con contenuti on demand e le dirette in primo piano (www.matex.tv).

   Gli utenti potranno scegliere i contenuti di 6 diverse sezioni: 1) Pubblica utilità; 2) Innovazione; 3) Cultura; 4) Formazione; 5) Istituzioni; 6) Società. Si tratta di programmi prodotti sia in Italia che all'estero, alcuni anche in inglese. Tra le novità proposte da Matex, sia sul digitale che sul web, la cosiddetta fascia di pubblica utilità che andrà in onda sul canale 272 DTT ogni martedì e venerdì alle ore 20.30 (con repliche il giorno dopo alle ore 8.00 e alle ore 15.00), uno spazio in cui partner come Confartigianato, Acli, Coldiretti, Ordine dei Commercialisti, Ucnet, Donna Ceteris forniranno una serie di servizi ai cittadini su diritti delle persone, imprese, fisco, contributi, finanziamenti, leggi di settore, normative e progetti.

  Una sorta di sportello aperto h24 che consentirà ai telespettatori e internauti di rimanere costantemente aggiornati su importanti argomenti che riguardano la vita di tutti i giorni, sia sul piano personale che professionale. Un'altra novità è rappresentata dall'accordo con la Cineteca Sarda: per la prima volta sullo schermo potranno essere ammirati i capolavori dell’immenso patrimonio audiovisivo di questa importante istituzione regionale che trasmetterà film, documentari e altre produzioni che raccontano la storia dell'isola attraverso le immagini.

  La rassegna, che andrà in onda ogni giovedì, si chiama “La Sardegna nello schermo” e punta a consolidare la conoscenza della Sardegna attraverso un percorso pensato e raccontato dalla voce di Antonello Zanda, direttore del Centro Servizi Culturali della Società Umanitaria - Cineteca Sarda. Grazie all'accordo con importanti partner (oltre quelli citati anche Fondazione Brodolini, Federterziario, Eureka, USMAC, Mind The Bridge, EjaTV), Matex si presenta, da un lato, come aggregatore di contenuti proposti da soggetti terzi e, dall'altro, come una televisione con format e produzioni originali.

  Un occhio di riguardo sarà rivolto alle istituzioni, con la trasmissione integrale di eventi e contenuti pensati dalle amministrazioni per le comunità. Tra i protagonisti di MATEX ci sono anche gli youtuber con produzioni indipendenti pensate per il web e che per la prima volta saranno trasmesse sul digitale terrestre. Innovazione e formazione rimangono comunque tematiche centrali del nuovo media, con programmi e contenuti che racconteranno le nuove tendenze, non solo nel campo delle nuove tecnologie ma anche nei settori del sociale, della cultura e dell’impresa.

   MATEX nasce all'interno del progetto della Ex Manifattura Tabacchi di Cagliari, un luogo che si appresta a diventare lo spazio di riferimento per l'innovazione dei settori creativi, culturali e dell'industria digitale in Sardegna, con uno sguardo aperto al Mediterraneo e al mondo.