Politica

Stampa Diminuisci carattere Aumenta carattere

Alghero: il frullatore di Matteo

La stagione dei Matteo è in piena evoluzione su tutto il territorio nazionale. Quello del Carroccio ha mollato i titolari del "vaffa" che non si sono scomposti più di tanto, ormai sono governativi, hanno rimesso su casa con gli ex nemici. Ma quello toscano, con il golpe in casa Dem, ha attaccato la spina del frullatore della politica algherese dando vita a una vera e propria stagione della resurrezione.

I primi a godere dell'uscita di Teuccio dal Partito Democratico sono i piddini catalani: in solo colpo si sono liberati di una pattuglia di commensali locali che dotati di robusto appettito erano soliti sputare sul piatto dove avevano mangiato. Sembra che in via Mazzini daranno corso a tre giorni di festeggiamenti. A proposito di resurrezione: Coccolino è già pronto per la Leopolda. L'ultimo dei moicani della Balena Bianca, dopo una lunga vita monastica che gli è servita quale saldo e stralcio dei suoi peccati, politici si intende, non sarà solo: dalle catacombe sono venuti fuori l'increbile Hulk, l'Uomo Invisibile, il cadetto dei Fagiolini trombati, qualche compasso e cazzuola.

Ma anche sangue fresco: il Buon Samaritano pare che indosserà la maglietta di Teuccio in consiglio comunale issando la bandiera di Italia Viva in versione catalana. Inoltre sono tanti gli occhi puntati su Domenico Savio e in particolare sulla cassaforte di voti che gli sta intorno. E lui? Il venerabile del pensiero unico, l'intoccabile pena gravi conseguenze? Monsignore riflette, odora, "fiagga" come si dice dalle parti di Monte Rosello, il flusso del vento. Il partito dei sindaci è andato un po affanculo, i suoi amici d'oltre Tirreno non hanno seguito il toscano, il compagno che veste Armani ormai è beatamente seduto in consiglio regionale a Casteddu.

Bombolo ha issato bandiera bianca. La propaganda è finita. Monsignore si guarda attorno, infiltrati nella sacrestia riferiscono che aveva perfino pensato di dimettersi da consigliere comunale. In un momento di riflessione mistica aveva ammesso: dopo non aver fatto un cazzo per 5 anni ho bisogno di un po di riposo. Ma la riflessione sul nobile gesto non è andata a buon fine anche perchè gli sarebbe subentrato Quattroformaggi, l'amico di sempre, a fare il nuovo compagno di banco di Togliattino restato solo con le fragole di Sa Segada.

Foto: -

ULTIME NOTIZIE

case e terreni