Politica

Stampa Diminuisci carattere Aumenta carattere

Pronvince: si vota a primavera - Il disegno di legge il 10 ottobre in consiglio regionale

La commissione Autonomia, presieduta da Pierluigi Saiu (Lega), ha approvato a maggioranza il Disegno di legge n. 51 “Disposizioni in materia di enti locali”. La Commissione ha nominato relatori per l’Aula il presidente Saiu per i gruppi di maggioranza e Roberto Deriu (Pd) per quelli di minoranza. Il testo è stato inserito come primo punto all’ordine del giorno della seduta del Consiglio regionale del 10 ottobre.  

“E’ un provvedimento che definisce un regime provvisorio di pochi mesi per arrivare finalmente al riconoscimento di un principio democratico: le Province saranno governate da amministratori scelti dal popolo”. Lo ha affermato il presidente della commissione Autonomia, Pierluigi Saiu. “Un principio per noi irrinunciabile che troverà applicazione con le elezioni a suffragio universale, previste dal disegno di legge entro la prossima primavera. Fino ad allora la situazione transitoria sarà gestita da amministratori straordinari. Con questo provvedimento - ha continuato Saiu - viene riconosciuto il primo punto del nostro modello di governo del territorio, che riconosce un principio democratico elementare, negato dalle leggi nazionali e regionali della sinistra: che siano i cittadini a scegliere da chi essere amministrati. Su questo punto non arretreremo di un passo, né abbiamo paura di sfidare il Governo nazionale se provasse a impedire che il governo dei nostri territori sia scelto dai cittadini. Sono molto soddisfatto del lavoro fatto dalla Commissione, - ha concluso Saiu - che consentirà al Disegno di Legge di essere esaminato dall’Aula nella seduta del 10 ottobre”. 

Critico Roberto Deriu (Pd), relatore dei gruppi di minoranza. “Il Disegno di Legge della Giunta regionale in oggetto è stato presentato affermando che ''la Giunta regionale ritiene fondamentale avviare un processo di riforma che porti ad un testo unico degli enti locali della Sardegna'', ha affermato Deriu, “Ci si sarebbe pertanto aspettati di seguito, il disvelarsi della complessa trama del profondo disegno istituzionale annunciato dalla Giunta regionale nelle premesse e prefigurato nella critica all'insufficiente e velleitaria opera del legislatore statale. Invece, in un solo capoverso, tanto tuonare non ha prodotto che la sbrigativa ed asciutta comunicazione che recita: ''si prevede pertanto la nuova nomina degli Amministratori Straordinari''. 

In particolare, Deriu ha evidenziato che si tratta di una proposta di legge di basso profilo in cui di riforme non si parla affatto e che contiene “una probabile causa di impugnazione da parte del governo”, dovuta all’inserimento “dell’ennesimo, antidemocratico, illegittimo, immorale, immotivato, tracotante rinvio della definizione democratica degli organi di un ente territoriale previsto dalla Costituzione, e assolutamente necessario alla vita civile come le province”. Per Deriu il testo, così licenziato dalla Commissione, “merita un voto contrario da parte del Consiglio regionale della Sardegna, il quale, in un sussulto di dignità, dovrebbe tentare, del presente testo, perlomeno una correzione in extremis affinché esso diventi strumento per l'avvio della troppo a lungo rinviata ripresa democratica delle province”

Foto: -

ULTIME NOTIZIE

case e terreni