Politica

Stampa Diminuisci carattere Aumenta carattere

CasaPound Sardegna commemora le vittime delle foibe

  "Essere italiani era l’unica ‘colpa’ delle vittime del genocidio razziale messo in atto da Tito a cavallo della seconda guerra mondiale. Lo afferma Fabio Corrias, responsabile regionale di CasaPound Sardegna. " Oltre 10.000 nostri connazionali - prosegue - furono assassinati, torturati, legati l’uno agli altri e gettati, in molti casi da vivi, nelle foibe causando l’esodo di 350.000 giuliano-dalmati che dovettero abbandonare per sempre le loro terre, rifugiandosi in Italia o all'estero. Una vera pulizia etnica che per ben 50 anni i libri di storia e la loro stessa Nazione li ha ignorati e dimenticati.

  L'ampio schieramento di sinistra che va dai centri sociali ai partitini di estrema sinistra, alla CGIL, al Partito Democratico con l'ausilio dei propri terminali annidati nelle redazioni degli organi di informazione, nelle scuole, nelle università, nelle amministrazioni centrali e periferiche dello Stato e negli enti locali, patrocinano e boicottano grazie all’Anpi, massimo promotore, il “Giorno del Ricordo”, e ne abbiamo la prova dopo i fatti accaduti nelle città di Alghero e Sassari purtroppo grazie ai propri sindaci piddini. A Fertilia - conclude le nota - CasaPound Sardegna con i buoni cittadini e patrioti Sardi hanno tributato un ricordo, rendendo i dovuti onori ai martiri e agli esuli d'Istria, Fiume e Dalmazia.

Foto: -

case e terreni

ULTIME NOTIZIE

METEO

meteo

Meteo Alghero

Temperatura: 6°C

Previsioni per i prossimi giorni