La caccia in Sardegna: significativi rilievi del Centro Studi Agricoli

Tore Piana
  Con la convocazione del Comitato Regionale Faunistico per  Giovedì 16 Settembre a Cagliari, si conclude la tormentosa gestione ed emanazione del Calendario Venatorio 2021/2022 della Regione Sardegna. Lo afferma Tore Piana Presidente del Centro Studi Agricoli, che chiede che una volta per tutte la Regione applichi  quanto stabilito all'Art.9 della Legge Regionale n’23 del 1988, che ha istituito l’Istituto regionale per la fauna selvatica  (IRFS)appositamente per la gestione di tali aspetti in collaborazione con i Dipartimenti Universitari Sardi  e con L'Istituto nazionale per la fauna selvatica, per una corretta pianificazione della gestione faunistica e dell'attività venatoria.

  Al contrario di quanto previsto dalla Legge Regionale 23 sulla caccia, continua Tore Piana, l’IRFS pare si sia occupato quasi esclusivamente di tutela della natura  e delle politiche forestali,  trascurando completamente il compito principale per il quale era stato istituito , ossia quello di Organismo tecnico scientifico sardo  specializzato  per la conservazione della fauna selvatica e dell’attività venatoria, capace di elaborare un Piano Faunistico Regionale che tenga conto delle realtà ambientali e faunistiche, delle attività  agricolo - pastorali esercitate nel territorio regionale Sardo. 

  "Questa situazione - aggiunge il presidente - ha determinato  che i vari decreti assessoriali in questi ultimi anni, riguardanti il prelievo venatorio e la tutela della fauna selvatica, siano stati emanati senza un valido studio preventivo della fauna e del territorio, divenuto oggetto costante di pesanti rilievi da parte del Tar. Una situazione, che penalizza fortemente i circa 36 mila cacciatori Sardi, che non deve essere più consentita - sottolinea  Piana - ed ecco perché, con forza, chiedo che IRFS venga urgentemente potenziato nella sua parte  dedicata alla conservazione della fauna selvatica, sostituendo così così l’Ispra.

  Per quanto riguarda l'emanazione del calendario venatorio per l'apertura della caccia alla Lepre e alla Pernice Sarda, previsto nella giornata di Giovedì 16 dal Comitato Regionale Faunistico, come Centro Studi Agricoli, proponiamo che l’apertura venga decisa per Domenica 3 Ottobre e per tre giornate nei giorni di Domenica 3 -10 e 17 Ottobre per mezza giornata e con un carniere di 2 pernici per giornata di caccia, mentre per la lepre il carniere che proponiamo è di 2 Lepri in totale nelle tre mezze giornate, e inoltre che le giornate della caccia alla Tortora cancellate dal Tar vengano recuperate nelle giornate di caccia dedicata al Tordo."