Alghero: tentava di partire per la Cina con 27.000 euro in contanti - Fermato dai finanzieri

-
Nell’ambito dei controlli congiunti presso l’Aeroporto Riviera del Corallo di Alghero finalizzati al contrasto dei traffici illeciti nel settore valutario, i funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli (ADM) di Sassari, in sinergia con i militari della Guardia di Finanza della Compagnia di Alghero, hanno fermato e sottoposto a controllo un cittadino di nazionalita` cinese in procinto di imbarcarsi per l’aeroporto di Roma-Fiumicino, da cui avrebbe poi raggiunto la Cina. Il nervosismo del soggetto controllato, nonche´ l’evasivita` nelle risposte date circa la natura del viaggio e la professione esercitata, hanno spinto gli operanti ad approfondire l’attivita`, la quale evidenziava come l’uomo avesse tentato di occultare circa 27.000€, in banconote da 50€, all’interno delle scarpe custodite nel bagaglio da stiva.

Il soggetto, nei cui confronti veniva contestata la trasgressione della normativa valutaria circa il limite del contante al seguito (10.000€), decideva di avvalersi dell’istituto dell’oblazione, versando immediatamente all’Erario circa 2500€, al fine di estinguere la violazione. L’attivita` di servizio in argomento si inquadra in un piu` ampio e costante dispositivo di prevenzione posto in essere dalla Guardia di Finanza e dall’Agenzia delle Dogane e Monopoli negli spazi doganali aeroportuali della provincia (Olbia e Alghero), attraverso l’elaborazione di specifiche analisi di rischio orientate, in particolar modo, al monitoraggio e controllo dei passeggeri e del bagaglio trasportato nei voli ritenuti piu` “sensibili” per la perpetrazione di illeciti valutari.