Cronaca

Stampa Diminuisci carattere Aumenta carattere

Sassari: contributo per la sterilizzazione delle cagnette

Incentivare le sterilizzazioni delle cagnette per combattere il randagismo. È la scelta fatta dall'Amministrazione comunale di Sassari che ha riaperto i termini per richiedere un contributo per operare le cagnette di proprietà, con la possibilità di scegliere il veterinario di fiducia. L'aiuto economico, cofinanziato dalla Regione Sardegna, prevede un contributo fino a 180 euro. 
Sul sito del Comune www.comune.sassari.it sono pubblicati bando integrale e modulistica.  

La sterilizzazione delle cagnette è uno dei pilastri fondamentali per la lotta al randagismo. Sarà stilata una graduatoria in base all'Isee e il contributo varierà da un massimo di 180 a un minimo di 120 euro. Le domande devono essere presentate entro il 30 settembre. I richiedenti dovranno essere residenti a Sassari, avere un cane femmina microchippato e iscritto nella Bdr (Banca dati anagrafe canina regionale) e avere un reddito non superiore a 20mila euro. Per le aziende agricole e gli allevamenti, il contributo sarà erogato sino a esaurimento dello stanziamento, direttamente al soggetto avente diritto, dietro presentazione di copia della fattura o documento. Per i cani custodi di gregge, a guardia di allevamenti o aziende rurali registrate dall'Ats e certificate con codice identificativo, il contributo sarà erogato fino a un massimo di 200 euro. 

Le aziende agricole e gli allevamenti avranno diritto di precedenza rispetto agli altri proprietari di cani e saranno inseriti in graduatoria a prescindere dal reddito e dalla presentazione del modello Isee. Le persone interessate dovranno presentare al protocollo del Settore Ambiente e Verde pubblico il modulo, scaricabile dal sito www.comune.sassari.it, compilato e sottoscritto, insieme alla copia del modello Isee del 2018, del documento di riconoscimento del proprietario e tesserino sanitario e anagrafico del cane e della nomina del veterinario che eseguirà l'intervento, controfirmata dal professionista. Il contributo sarà erogato direttamente al medico veterinario che ha eseguito l'intervento, dietro presentazione di certificazione di quest'ultimo dell'avvenuto intervento.

Foto: -

ULTIME NOTIZIE

case e terreni