Cronaca

Stampa Diminuisci carattere Aumenta carattere

Tracciabilità fai da te: sequestrati 12 chili di pesce pregiato - Dalla Guardia Costiera sanzioni nella guerra degli ombrelloni

Attenzione alta da parte dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci in vista del Ferragosto e del successivo fine settimana con controlli su tutta l’area di giurisdizione che va da Punta Bados a Capo Ferro. Nel mirino dei controlli delle pattuglie degli uomini in divisa bianca sono state anche questa volta le occupazioni delle aree libere, talvolta addirittura privatizzate. In un primo caso hanno agito le pattuglie in borghese per verificare i comportamenti di alcuni gestori di attività prospicienti la spiaggia libera. In questo caso, i gestori, tramite i propri addetti, provvedevano ad allontanare gli occupanti delle aree libere adiacenti alle loro attività in favore dei propri clienti. 

Tale comportamento è stato scoperto e sanzionato dai militari per violazioni sull’uso delle spiagge ai sensi dell’Ordinanza Balneare della Regione Sardegna, con due sanzioni da 1.032 Euro. In altri due casi sono stati scoperte occupazioni permanenti di aree libere con attrezzature da spiaggia di vario genere, preordinate alla privatizzazione dell’uso delle aree libere. In tal caso sono scattati 2 sequestri e 2 notizie di reato (una verso noti e una verso ignoti) per occupazione abusiva di aree demaniali marittime con 30 tra ombrelloni, lettini e attrezzatura varia posta sotto sequestro. Altre pattuglie, al comando del T.V.(CP) Angelo FILOSA, hanno provveduto, invece, a verificare alcune attività di ristorazione per controllare la qualità e la tracciabilità dei prodotti serviti ai clienti. Nell’ambito dei controlli è stata accertata una sostanziale regolarità da parte di molti gestori, ma in un caso sono stati rinvenuti 12 kg di prodotto non tracciato, congelato alla rinfusa, in parte dentro vassoi di plastica - non idonei - ed in parte dentro sacchetti anonimi. 

Il prodotto rinvenuto aveva totalmente perso la tracciabilità, e pertanto non poteva più essere commercializzato. Il sospetto della Guardia Costiera è che il ristoratore possa aver congelato pesce fresco non venduto senza attuare le corrette procedure, oppure che si trattasse di pesce proveniente dalla pesca abusiva. Il prodotto, tra cui aragoste, astici, tranci di tonno e pesce spada e scampi (tutto prodotto pregiato) è stato posto sotto sequestro ed il ristoratore è stato sanzionato con un verbale da 1.500 Euro. L’ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci, coordinato dal Direttore Marittimo CV (CP) Maurizio TROGU, continua nelle attività di controllo per la tutela del consumatore finale e delle risorse ittiche. Per qualsiasi evenienza, si ricorda il numero blu gratuito 1530 per le emergenze in mare, oltre ai consueti mezzi di comunicazione.

Foto: -

ULTIME NOTIZIE

case e terreni