Cronaca

Stampa Diminuisci carattere Aumenta carattere

Venerdì a Domusnovas si va "Sulla Luna"

Il occasione del Cinquantennale dello sbarco sulla Luna l’INAF Osservatorio Astronomico di Cagliari e il Consorzio Natura Viva Sardegna, porteranno in scena “SULLA LUNA”, evento di celebrazione, svago ed approfondimento sul nostro satellite che si terrà venerdì 19 luglio 2019, a partire dalle 19.30 nell’area archeologica del complesso nuragico S’Omu ‘e S’Orcu di Domusnovas (SU - Provincia del Sud Sardegna). Il Consorzio Natura Viva Sardegna, gestore dei siti di S’Omu ‘e S’Orcu e delle Grotte di San Giovanni, si è occupato del coordinamento locale e della logistica in accordo con il Comune di Domusnovas, la Proloco Domusnovas, la Soprintendenza Archeologica e il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). 

Sarà possibile visitare il sito con guide specializzate all’inizio della serata ma anche durante il resto dell’evento. Prima del tramonto arriveranno al nuraghe le maschere tradizionali del carnevale di Ottana dell’Associazione Merdules Bezzos de Otzana che, dopo aver attraversato tutto il paese di Domusnovas, sfileranno al suono dei campanacci sotto le sue pietre millenarie. Responsabile del partenariato scientifico è l’Istituto Nazionale di Astrofisica di Cagliari (INAF-OAC) che proporrà due attività, una per i più piccoli con “Martina sulla Luna – Astrokids”, un coinvolgente laboratorio per bambini condotto dalla ricercatrice Silvia Casu e l’altra dedicata a tutto il pubblico di appassionati e curiosi: molti ricercatori dell’Osservatorio saranno infatti riconoscibili dalla maglietta blu con il logo INAF e chiunque potrà fermarli e chiacchierare con loro per soddisfare dubbi e curiosità sui più svariati e complessi argomenti dell’astrofisica. 

 Gli interventi sul palco inizieranno con il divulgatore scientifico ed esperto di archeoastronomia Gian Nicola Cabizza che parlerà della Luna attraverso gli occhi di Dante e di Galileo, confrontando così, grazie alle loro opere, le concezioni astronomiche proprie del Medioevo e del Rinascimento. Si entrerà nel vivo del Cinquantennale con la partecipazione dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) che con l’INAF condivide spazi e, soprattutto, strumenti di lavoro come il Sardinia Radio Telescope (SRT) di San Basilio che, sotto il controllo ASI, diventa il Sardinia Deep Space Antenna (SDSA). Noemi Iacolina e Giuseppe Valente parleranno del contributo che SDSA potrà fornire a supporto delle missioni umane e robotiche, lunari e interplanetarie del futuro. 

 La parte più magica ed attesa della serata sarà infine l’osservazione del cielo con i soci dell’Associazione Astrofili Sardi che, grazie al partenariato firmato con INAF, porteranno ben quattro telescopi per consentire a grandi e piccini di poter osservare stelle, pianeti e persino la tanto sospirata Luna, che uscirà dall’orizzonte poco dopo le 22.30. Dalle 20.30 alle 22.30 sarà possibile far giocare i bambini nell’area ludica a loro dedicata gestita dalle volontarie dell’Associazione Elda Mazzocchi Scarzella di Domusnovas. In tal modo i bambini si divertiranno in sicurezza e i genitori che lo desiderano potranno seguire con tranquillità gli interventi sul palco. L’evento si inserisce nei festeggiamenti dei 100 anni dalla nascita dell’Unione Astronomica Internazionale (IAU), l’ente che, oltre a sostenere in tutto il mondo la cultura scientifica astronomica, decide nomi e categorizzazioni di tutti i corpi celesti come pianeti, stelle, asteroidi e molto altro.

Foto: -

ULTIME NOTIZIE

case e terreni