Cronaca

Stampa Diminuisci carattere Aumenta carattere

Sassari: imminente l'apertura delle offerte per realizzare il nuovo day hospital oncologico

  Saranno quasi 670 metri quadrati, una sala d'attesa con 36 posti, quattro sale con 20 posti totali per la terapia e sei ambulatori, una cucinetta, uno studio per il direttore e uno per la capo sala. Si presenterà così il nuovo day hospital oncologico del Santissima Annunziata per i lavori di realizzazione del quale, la prossima settimana, è prevista l'apertura delle buste con le offerte e a marzo l'aggiudicazione. Nei giorni scorsi il direttore sanitario dell'Aou di Sassari, Nicolò Orrù, ha presentato il progetto esecutivo al gruppo movimento Donne libere in lotta per il diritto alla salute. Una occasione anche per fare il punto sulla situazione dopo il trasferimento del day hospital oncologico dall'ospedale di via De Nicola al terzo piano della palazzina di Malattie infettive, per consentire l'avvio dei lavori.

  Secondo il crono-programma dell'Ufficio tecnico Aou il nuovo DH oncologico, che avrà un posto terapia in più rispetto alla situazione attuale, potrebbe essere pronto per i primi mesi del 2020. L'incontro ha permesso di valutare alcune proposte anche migliorative, mentre altre sono già state messe in campo. A esempio l'estensione dell'orario di apertura del DH oncologico di viale San Pietro sino alle ore 18, per una migliore distribuzione delle terapie e una migliore assistenza ai pazienti. Inoltre, nei limiti dell'organizzazione della struttura, sono stati accolti alcuni suggerimenti arrivati dalle rappresentanti del movimento Donne, tra i quali quello di garantire ai pazienti la continuità dell'assistenza da parte del medico e dell'infermiere dell'unità operativa che accompagneranno lo stesso paziente per l'intero percorso terapeutico.

   Sono state avanzate, poi, anche alcune proposte per la condivisione con i volontari del punto informativo all'interno della nuova struttura che nascerà al Santissima Annunziata. Il direttore sanitario ha sottolineato come la presenza di volontarie e volontari possa rappresentare una sicura e utile risorsa per utenti e operatori. All'incontro, oltre al direttore sanitario dell'Aou e alle rappresentanti del Movimento, hanno partecipato il direttore della clinica di Malattie infettive professor Sergio Babudieri, i rappresentanti del day hospital oncologico dottor Giovanni Sanna e la coordinatrice Alessandra Posadinu quindi il responsabile dell'Ufficio tecnico ingegner Roberto Manca.

Foto: -

ULTIME NOTIZIE

case e terreni